mercoledì 15 aprile 2015

Un po' per uno in braccio a "mamma"

Riproponiamo una lettera da altri pubblicata che l'amico Rino Formica ha inviato a D'Alema.

Caro Compagno D'Alema,

Perché ti lamenti?
Il  mostro che avete evocato 25 anni fa non discrimina, divora tutto e tutti.
Senza una riflessione critica sui guasti di sistema che ha provocato la stolta teoria della politica = corruzione,  dei partiti= peste democratica organizzata e  delle ideologie = idee false e bugiarde, non si può uscire da questo vicolo cieco.
La sovranità popolare non si esprime più  attraverso la rappresentanza, ma è affidata al potere giudiziario.
Renzi si illude di poter gestire la “democrazia affidataria”, perché non sa che è “il giudice” che volta a volta cerca l’uomo a cui affidare il popolo.
Mi dispiace per ciò che  vi accade,  ma mi preoccupa di più ciò che ancora deve accadere a questo disgraziato Paese caduto nell’ epilessia della  salvezza  etica.
Un saluto con ragionata solidarietà.

Rino Formica